Anticipo pensionistico, I lavoratori potranno usufruire dell'Ape, l'anticipo pensionistico, dall'età di 63 anni: il periodo anticipato sarà dunque di 3 anni e 7 mesi.

Bologna
20:00 del 14/09/2016
Scritto da Alberto

Anticipo pensionistico, I lavoratori potranno usufruire dell'Ape, l'anticipo pensionistico, dall'età di 63 anni: il periodo anticipato sarà dunque di 3 anni e 7 mesi. E' il risultato dell'incontro al Ministero del lavoro tra i sindacati e il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Tommaso Nannicini. "Sessantré anni è la mediazione a cui siamo arrivati oggi, ma che era in viaggio da un po' di tempo", ha riferito il segretario confederale Cisl, Maurizio Petriccioli. Anticipo pensionistico, finalmente una buona notizia. La mediazione tra governo e sindacati ha sbloccato il cosiddetto Ape, l’anticipo pensionistico. Ecco come funziona e chi potrà beneficiarne.

Anticipo pensionistico, finalmente una buona notizia.

Anticipo pensionistico - La mediazione tra il Ministero del Lavoro e i sindacati presenti al tavolo ha sbloccato l’APE

L’anticipo pensionistico permetterà a coloro che nel 2017 avranno 63 annidi andare in pensione con un anticipo di 3 anni e 7 mesi.

Come riporta un comunicato della Cisl:

“Potranno quindi uscire dal lavoro nel 2017 coloro che sono nati fino al 1954, una volta compiuti 63 anni. Per chi ha un lavoro l’anticipo sarà pagato con rate di ammortamento sulla pensione. Mentre, per coloro che sono disoccupati e non hanno ammortizzatori sociali, l’anticipo sarà gratuito (purché l’importo della pensione non sia superiore ai 1200 euro netti).”

L’intervento godrà di due anni di sperimentazione, per valutarne l’utilizzo e il funzionamento, e poi si deciderà se e quando adottarlo in via definitiva.

Anticipo pensionistico - APE A COSTO ZERO E ALTRE NOVITÀ

L’aspetto più interessante è che l’anticipo pensionistico:

“Sarà a costo zero per le categorie svantaggiate con una soglia di 1.200 euro di pensione netta.”

Ma ci sono anche altre novità in materia di previdenza sociale emerse al tavolo tecnico tra Ministero e sindacati.

Come ha riferito il Segretario generale della Cisl pensionati, Gigi Bonfanti:

“Abbiamo fatto il punto su quelle che, secondo noi, sono le priorità su cui intervenire per quanto riguarda le pensioni. In particolare, abbiamo tenuto a sottolineare la necessità di agire sulla quattordicesima mensilità, estendendola a una platea più ampia; a fare una netta distinzione tra previdenza e assistenza; ad equiparare la no tax area dei pensionati a quella dei lavoratori dipendenti; a prevedere la possibilità di ricostituire un montante virtuale per recuperare le perdite subite dai pensionati a causa del blocco delle rivalutazioni; infine, abbiamo ricordato al governo l’opportunità di modificare il paniere Istat, che ad oggi non considera le necessità connesse alla terza età.”

Anticipo pensionistico - Il 21 settembre ci sarà l’incontro conclusivo tra sindacati e Ministero. Obiettivo: chiudere il cerchio della trattativa e rendere definitive le decisioni prese.


Articolo letto: 390 volte
Categorie: Guide, Lavoro


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook