COSA VEDERE ANTALYA - Affacciata lungo l’omonimo golfo (Antalya Körfezi) e circondata dai monti Tauro, Antalya (o Adalia) è la più grande città turca che si affaccia sulla costa mediterranea.

Torino
17:00 del 08/02/2018
Scritto da Alberto

COSA VEDERE ANTALYA - Affacciata lungo l’omonimo golfo (Antalya Körfezi) e circondata dai monti Tauro, Antalya (o Adalia) è la più grande città turca che si affaccia sulla costa mediterranea.

Una città sospesa tra oriente e occidente – perfetta sintesi tra il mondo antico e il suo ruolo di capitale del turismo internazionale – che con le sue moschee, le antiche rovine e spiagge da sogno, mostra ai visitatori il fascino unico di una località magica e ricca di storia.

COSA VEDERE ANTALYA - In effetti, la regione ha un passato di tutto rispetto. Antalya, la Attaleiafondata da Attalo II re di Pergamo, è stata caratterizzata da una lunga dominazione romana prima e bizantina poi. A

i tempi delle crociate, quando i guerrieri cristiani la scelsero come porto di imbarco per raggiungere la Terra Santa, la città era ricca e potente e passò poi sotto il dominio ottomano sino al 1923, anno della proclamazione della Repubblica Turca.

COSA VEDERE ANTALYA - Antalya è una località costiera molto soleggiata, raggiungibile dall’Italia con voli diretti in partenza dalle principali città verso il suo aeroporto internazionale che dista dal centro circa 13 chilometri.

Offre un’infinità di cose da vedere, perciò è consigliabile soggiornarvi almeno un settimana per visitare al meglio tutte le attrazioni. In città si circola meglio a bordo dei dolmus, i piccoli bus locali, o dei tramvay che conducono in tutte le destinazioni, dalle spiagge al centro storico fino alle zone più periferiche.

Ecco 5 cosa da non perdere ad Antalya


1 - Cascate del Düden

Ubicate a circa 10 km dalle spiagge sud orientali di Antalya, si caratterizzano per un depressione di circa 15 m di profondità e 20 m di larghezza, composta principalmente da formazioni di origine vulcanica. Le cascate sono immerse in un meraviglioso parco botanico, ed essendo un luogo di origine vulcanica ricco in tufo, proliferano le stattiti e le stalagmiti, tanto da divenire meta d'eccellenza per gli speleologi. Si distinguono due cascate principali, cioè la Cascata Superiore e la Cascata Inferiore, e le loro acque sfociano direttamente nel Mar Mediterraneo riversandosi dalle scogliere costiere di Antalya.

2 - Le spiagge di Antalya

Grazie alla sua costa lunga 604 km, Antalya è una meta perfetta anche per gli amanti del mare. Qui potrete immergervi nelle meravigliose acque smeraldo da marzo a novembre. La spiagge di Antalya sono per lo più rocciose, come le bellissime spiagge Lara e Konyaalti. Oltre a queste segnaliamo le spiagge Adrasan e Phaselis, conosciute per le rovine antiche e lo scenario in cui si trovano e Patara, una delle poche spiagge di sabbia della zona, nota per la nidificazione delle tartarughe Caretta Caretta.


3 - Moschea di Kesik Minare

Il suggestivo minareto Kesik Minare, o Minareto Troncato, era in origine un tempio romano che in epoca bizantina fu trasformato in una chiesa dedicata al culto della Vergine Maria, per poi divenire, in occasione del periodo della dominazione ottomana, una moschea, nel XIII secolo. Il minareto purtroppo è stato gravemente danneggiato da una forte scossa di terremoto che ne minò l'originaria bellezza, quindi oggi è diventato un luogo di rilievo archeologico, circondato da un quartiere interessante che attira numerosi visitatori. Il minareto si trova nella città vecchia, vicino al centro di Antalya.

4 - Antiche rovine Termessos

La città di Termessos, una delle città antiche meglio preservate della Turchia, antico insediamento del popolo dei Solimi, sorge lungo le pendici del Monte Gulluk (a circa 30 km da Antalya), nel Parco Nazionale di Gulluk. All'interno della città è ancora possibile ammirare le sue mura difensive, con le dieci torri poste a controllo dell'intera città, la cisterna adibita alla raccolta delle acque della città, il propilon di Adriano e il tempio, struttura dedicata all'imperatore romano Adriano; poi l'agora, il mausoleo, scavato nella roccia viva nel lato sud occidentale dell'agora e infine l'anfiteatro, il più bell'edificio di Termessos, con una capacità di 4.200 spettatori ed edificato in stile ellenico, con una forma semicircolare, un diametro di 33 m e un'altezza di 13 m.

5 - Moschea di Yivli Minare

Il simbolo di Antalya è l'Yivli Minare, il minareto "scanalato" fatto erigere dal sultano Aladdin Keykubad I all'inizio del XIII secolo, con la moschea adiacente, risalente al 1373 che è tuttora in uso. Il minareto rappresenta sicuramente uno dei luoghi più emblematici della città, ed è sito all'interno della città storica, facilmente raggiungibile dal centro città. All'interno del complesso si trova il Mevlevi Tekke (monastero dei dervisci rotanti) che risale probabilmente al XIII secolo; poco lontano, verso ovest, ci sono due türbe(tombe), una datata alla fine del XIV secolo e l'altra del 1502. L'ampia piazza che si apre a ovest con la statua di Atatürk a cavallo si chiama Cumhuriyet Meydanı.


Articolo letto: 284 volte
Categorie: , Luoghi da visitare


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook