Una società a responsabilità limitata aperta a Milano ma appoggiata al "paradiso" fiscale di Dublino: come Google e Facebook, ecco il modo di porsi di una delle aziende più importanti del mondo

Milano
17:40 del 07/08/2014
Scritto da Albertone

I precedenti ci sono, e pure di primo piano. Google e Facebook, ovvero due delle aziende più importanti del pianeta Terra, si erano comportate nello stesso identico modo. Certo, un atteggiamento che non giova all'immagine di due colossi che da soli sono in grado di muovere il mondo di internet. A loro, si è aggiunto un onorevole compagno di viaggio. Come recita il proverbio, non c'è due senza tre. Ed allora ecco che sul barcone è salito anche Twitter. A otto anni dalla sua fondazione, Twitter ha messo piede anche in Italia. Finalmente, anche il Belpaese ha una partita Iva che rimanda al social network che vive di 140 caratteri e hashtag. Adesso che l'azienda c'è, vi chiederete voi, qualche beneficio l'avrà pure il Governo italiano che potrà incassare una parte dei ricavi sottoforma di tasse? Invece no. Ebbene sì, incredibile ma vero, noi da Twitter beccheremo l'elemosina.

Perchè la società società a responsabilità limitata – la Twitter Italia Srl - che ha sede a Milano ha un capitale sociale di 10mila euro. Per gli utenti già abituati al marchio dei pensierini l’atterraggio non è una novità. Per il fisco, invece, è una piccola rivoluzione, dal momento che dal prossimo anno potrà avere, per la prima volta, un seppur parziale quadro dell’attività del social network. Qualcosa di più di un tweet, ovvero sia un bilancio. Per il momento si sa solo che la Twitter Inc viaggia a ricavi pari a 312 milioni di dollari a trimestre, di cui l'85% derivanti da pubblicità, con una perdita stimata di 144 milioni di dollari. Le azioni di Twitter fanno gola a molti investitori anche se i dati continuano ad essere contrastanti ed eccessivamente oscillanti. Materiale per speculatori, non per cassettisti. Ma il mercato ha accolto con favore il superamento della soglia di 270 milioni di utenti attivi al mese.

Sul versante italiano tocca attendere il 2015 per poter valutare i risultati del primo esercizio della succursale (ricavi, costi, utili e imposte), ma già oggi è possibile farsi un’idea di massima sulla natura e l’oggetto sociale del vettore divenuto “attivo” agli occhi della Camera di Commercio di Milano nella metà del giugno 2014. Perchè le sorprese non mancano. E, come detto, Twitter ha seguito la strada dei due illustri predecessori nel tentativo di tenersi ben stretto tutto ciò che entra nelle proprie casse. Insomma, per il Governo italiano e per le casse pubbliche si prospetta l'ennesima beffa.

Alla casella “socio unico” c’è la Twitter International Company, che ha sede a Dublino, in Irlanda, mentre Laurence Peter O’Brien e Vijaya Venkata Gadde rivestono la carica di amministratori (il primo come presidente e il secondo come membro del cda). Nessun dipendente e una chiara attività prevalente: “marketing”. In pratica, una scatola mezza vuota.

La sede legale (presso lo Studio TDL tributario e del lavoro) è la stessa della concorrente Facebook Italy Srl, succursale del social network di Mark Zuckerberg nata nel luglio del 2009. Identici anche il capitale versato (10mila euro) e la struttura societaria. Possibile che due aziende antagoniste in Italia abbiano la stessa sede e condividano la mission aziendale? Purtroppo sì. Perchè se il modello è Facebook, c'è poco da esultare. Alla voce ricavi, la succursale italiana nel 2013 ha toccato solo quota 3,8 milioni di euro, dal momento che il distaccamento tricolore non fattura l'attività nel Paese, ma si accontenta delle royalties riconosciute dalla sovraordinata irlandese, che ha un trattamento fiscale ben diverso. Risultato: Facebook nel 2013 ha pagato imposte al fisco italiano per 112.368 euro. Lo stesso principio vale per Google e la sua Google Italy Srl, posseduta al 100% dalla Google International LLC (Delaware, Stati Uniti). Dei 49 milioni di euro di ricavi del 2013 ben 47,5 milioni hanno preso un volo irlandese, come contropartita alla fornitura di “servizi di marketing e di ricerca e sviluppo per Google Ireland Ltd”.


Articolo letto: 867 volte
Categorie: Cronaca, Internet, Tecnologia


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Ricerche correlate

TWITTER - TASSE - FACEBOOK - GOOGLE -

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook