Anche i tedeschi fanno i portoghesi al casello. Anzi no, alle Autostrade italiane fanno i furbi e provano a far pagare due volte lo stesso pedaggio

Bologna
08:45 del 29/08/2015
Scritto da Gerardo

Anche i tedeschi fanno i portoghesi al casello. Anzi no, alle Autostrade italiane fanno i furbi e provano a far pagare due volte lo stesso pedaggio. Leggendo sia i giornali italiani e che quelli tedeschi su un tema tornato di attualità nei giorni scorsi, in scia a un’inchiesta di Quattroruote sui mancati pagamenti al casello tricolore, emergono due visioni completamente diverse del problema che ad Autostrade per l’Italia tra il 2010 e il 2014 è costato 2,4 milioni di passaggi gratis, quasi un quarto dei quali “scroccati” da automobilisti tedeschi. Non a caso la principale concessionaria della Penisola che fa capo alla famiglia Benetton, per risolvere il problema oltre ad aver attivato il recupero crediti, nei mesi scorsi è arrivata al punto da scomodare l’ambasciata italiana a Berlino per chiedere un intervento diplomatico e ottenere i suoi soldi. E quest’ultima ha seguito il caso “in stretto raccordo con il nostro ministero dei Trasporti”.

Forse però una maggiore internazionalizzazione delle comunicazioni aiuterebbe a ridurre il problema. “Sono questi i problemi della società autostradale italiana?”, si è per esempio chiesto Hans Schmidt, uno dei tanti automobilisti tedeschi che nei mesi scorsi ha ricevuto dalla società di recupero crediti Nivi Credit di Firenze la richiesta di versamento di un pedaggio di 5,38 euro. Lui era convinto di aver già pagato al casello tanto da aver subito pensato a una nuova truffa italiota e da scrivere immediatamente una lettera al giornale della sua città, Gera. “Suppongo che l’importo mancante sia stato prelevato dalla mia carta di credito, poiché il casello si è aperto”, spiega respingendo ogni intenzione fraudolenta e sottolineando di non saper leggere l’italiano. “Quando è capitato un problema, ho chiamato col pulsante il personale”, aggiunge spiegando di averlo fatto soprattutto perché, in parecchi caselli automatici nonostante egli abbia pigiato il bottone non è uscita alcuna ricevuta. Quindi la domanda maliziosa: “Forse questi problemi interni delle società autostradali italiane sono creati con intenzione, se dopo 17 settimane vengono spedite lettere come queste?”. Accompagnata dalla ferma decisione di non pagare i 5,38 euro se non realmente dovuti.

Di lettere del genere è sommerso l’Automobil Club tedesco che ha dovuto spiegare agli associati, già poco avvezzi al pagamento del pedaggio che in GerMania non esiste, una possibile fonte del problema. Se per un qualunque motivo al casello automatico il pagamento con la carta non viene accettato, può succedere che la barriera si apra comunque e l’operatore intervenuto o la stessa macchinetta rilasci uno scontrino. Dove c’è scritto come e dove versare il dovuto entro 15 giorni. Ma in italiano. E così può capitare che l’automobilista non si renda neanche conto di non aver pagato. Del resto lo ricorda anche Quattroruote citando le più collaudate tecniche di elusione, che sono “fondalmentalmente due: l’accodamento (rischioso) a un altro veicolo che transita su una pista Telepass, approfittando della sbarra alzata, e l’accampamento di pretesti nelle corsie dov’è previsto il pagamento manuale (mancanza di denaro, carte di credito o bancomat smagnetizzati e via dicendo). In questo caso viene emesso un ticket di mancato pagamento da utilizzare per saldare il dovuto su internet o in un Punto blu, cosa che poi, nel 75% dei casi, non avviene”. Forse anche perché la comunicazione non è chiara. Certo, l’equivoco non vale per tutti, come dimostra il caso della vettura alla quale sono stati addebitati oltre 900 pedaggi non pagati, ma il dubbio è d’obbligo.


Articolo letto: 895 volte
Categorie: Esteri, Motori, Sociale


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Ricerche correlate

Tedeschi - Germania - Merkel - Autostrada -

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook