Il ruolo vitale nella regolazione del clima da parte della foresta Amazzonica non deve essere compromesso altrimenti i danni si registreranno su scala globale

Milano
05:00 del 23/08/2019
Scritto da Gregorio

FIAMME AMAZZONIA, IL DISASTRO AMBIENTALE - “Rischiamo di perdere il 20% della produzione di ossigeno del Pianeta e il 10% della biodiversità mondiale”. A lanciare l’allarme è il WWF, mentre in queste settimane la foresta amazzonica in Brasile sta subendo diversi incendi, mettendo a rischio parte della vegetazione che costituisce il “polmone” più grande del pianeta. “Lo scorso aprile – ha spiegato ancora un comunicato dell’organismo internazionale – le immagini di Notre Dame in fiamme hanno creato uno straordinario moto d’animo che ha spinto persone in tutto il mondo a piangere e soffrire per Parigi, ma anche a mobilitarsi. Oggi c’è bisogno della stessa voglia di reazione per quello che sta accadendo a quegliecosistemi unici e irripetibili che non sono stati creati dall’uomo, ma sono fondamentali per la sua sopravvivenza e stanno rischiando di scomparire per sempre”. 


FIAMME AMAZZONIA, IL DISASTRO AMBIENTALE - A causa della deforestazione, la foresta amazzonica nel territorio brasiliano sta perdendo una superficie equivalente a oltre tre campi da calcio al minuto e siamo sempre più vicini a un punto di non ritorno per quello che, non solo è il più grande serbatoio di biodiversità del pianeta, ma rappresenta uno dei pilastri degli equilibri climatici. “Al di sotto di una certa superficie – sostiene il WWF -, l’ecosistema forestale amazzonico rischia di collassare perdendo la capacità di fornire quei servizi cruciali per l’umanità come la stabilità climatica, la produzione di ossigeno, l’assorbimento di CO2, la produzione di acqua dolce, il mantenimento della biodiversità e tanti altri ancora”.

Seppur lo stato d’emergenza è limitato territorialmente alla zona interessata dagli incendi, i suoi danni sono di portata globale. La foresta Amazzonica non a caso è chiamata il polmone verde del Pianeta, svolge infatti un ruolo vitale nella regolazione del clima:

• genera oltre il 20% dell’ossigeno nel mondo
• cattura circa 2.2 miliardi di tonnellate di anidride carbonica all’anno
• raccoglie il 10% della biodiversità ad oggi conosciuta

E’ chiaro che l’intero globo dipende dall’Amazzonia e che questa risorsa preziosa è stata messa nelle mani sbagliate.


Articolo letto: 186 volte
Categorie: , Ambiente, Denunce, Esteri


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook