ALLUCINANTE! Ecco le pensioni dei criminali nazisti pagate dalla previdenza USA. Pagati dal 1962 al 2015 pensioni per 20,2 milioni di dollari a 133 nazisti Criminali di guerra nazisti

Treviso
11:00 del 02/06/2015
Scritto da Gerardo

Pagati dal 1962 al 2015 pensioni per 20,2 milioni di dollari a 133 nazisti Criminali di guerra nazisti, ex guardie delle SS e altri sanguinari individui che, durante la Seconda Guerra Mondiale, hanno partecipato alle atrocità del Terzo Reich.Sono in tutto 133 i tedeschi che hanno ricevuto 20,2 milioni di dollari (circa 18,4 milioni di euro al cambio attuale) dall’Amministrazione del sistema di previdenza sociale americana. Un rapporto dell’ente di controllo della previdenza americana, che verrà pubblicato la settimana prossima e che l'agenzia Ap è riuscita a pubblicare in anteprima, riporta alla luce tutti i pagamenti del sistema previdenziale americano finiti nelle tasche dei nazisti. Pagamenti che sarebbero di gran lunga più ingenti di quanto stimato fino a oggi.

 I 133 criminali hanno, infatti, percapito una regolare pensione dal febbraio del 1962 e al gennaio del 2015, fino a quando cioè è entrata in vigore una nuova legge che ha vietato l'assegno di previdenza per alcuni beneficiari. Sempre secondo il rapporto, i 133 nazisti avrebbero tenuto nascoste le propria identità alle autorità americane per ricevere gli assegni previdenziali.


Articolo letto: 2004 volte
Categorie: Denunce


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Ricerche correlate

Nazismo - Dittatura - Fascismo - Storia -

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook