L’Atlantis di Dubai è una struttura ricettiva unica nel suo genere, pensare per dare comfort e divertimento a tutti i suoi ospiti. E naturalmente non si fa mancare nulla, proprio nulla…

Rimini
17:42 del 26/08/2014
Scritto da Albertone

Benvenuti nel Paese delle meraviglie. Sei ore di volo da Milano, un viaggio durante il quale la compagnia di bandiera vi farà mangiare e bere ininterrottamente dal decollo all’atterraggio, fino al protagonista di questa storia. Lui, l’inimitabile, il più invidiato. L’Atlantis di Dubai. Qui dove il lusso la fa da padrone sempre e comunque. Dubai, uno Stato divenuto un’autentica risorsa mondiale per chi va in cerca dell’occasione che gli cambi la vita. Basta farsi un giro nelle strade per vedere lo sfarzo. Macchinoni americani con targhe placcate in oro, collane e gioielli da migliaia e migliaia di euro, capi d’abbigliamento delle grandi marche europee portati poi con scarpe da due soldi. L’obiettivo di chi è ricco è mostrare la propria ricchezza. E l’Atlantis si è ispirato a questa concezione: non è un resort come promesse di essere, ma è un parco dei divertimenti ispirato al mare in formato extra large.

Come se 46 campi da calcio venissero uniti e trasformati in un’immensa sala gioco all’aperto, dove tutto è possibile e realizzabile. Naturalmente, se siete deboli di portafoglio, il posto non fa per voi. L’Atlantis soddisfa le esigenze di emiri, sceicchi, miliardari italiani e business manager delle più grandi società mondiali. Per tutti gli altri, c’è la normalità. Ma Atlantis vuol dire anche essere riusciti ad alimentare la fantasia degli ospiti con effetti speciali. Qui nulla è scontato e il dormire è la parte più noiosa del tutto. In sostanza, quando prenderete sonno inizierete per davvero a buttare via il vostro denaro. Perché? Per cominciare, l’Atlantis sembra un castello delle fiabe costruito sull'arcipelago artificiale di The Palm, una terra sottratta al Golfo Persico e forgiata a forma di palma con tronco e foglie che reggono un quartiere di centri per il diletto, alberghi e residenze di lusso. Qui, insomma, è zona vip riserve e noi uMani possiamo solo ammirare da lontano, possibilmente senza fare troppo rumore.

Qui ci stanno star del cinema, vip dello sport, politici, monarchi e financial-men. Che, magari, si deliziano con l'immenso parco acquatico (17 ettari) con scivoli adrenalinici e percorsi di oltre due chilometri tra onde, piscine e rapide. E poi ancora il resort offre lagune con decine di migliaia di pesci colorati, un centro dove si nuota coi delfini e uno per giocare con i leoni marini (veri), una città di Atlantide con labirinti e passaggi sottacqua, una mega spa, 21 tra bar, club e ristoranti (compresi i blasonati Giorgio Locatelli, Michel Rostang e Nobu).

C’è di tutto, e c’è naturalmente anche di cui dormire. Le 7 suite “Signature” sono da mille e una notte in tutti i sensi, compreso quello economico. Regnano sovrano le decorazioni con sfarzi da sceicchi, l’oro e i rubini non mancano. Ci sono poi le due suite-acquario con pareti trasparenti per guardare in diretta i fondali marini, e la Royal Bridge, 924 metri quadrati hi-tech con staff dedicato (dal maggiordomo 24h/7gg allo chef), e ascensore privato che porta solo al 22° piano: lassù la vista, magnifica, su Palm Island e sul Golfo d'Arabia è un lusso da oltre 25mila euro a notte.


Articolo letto: 2031 volte
Categorie: Viaggi


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Ricerche correlate

dubai - resort - atlantis - mare -

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook