Il film di Enrico Lando debutta e conquista il primo posto nella classifica italiana, ma i risultati ottenuti dalle pellicole in questo periodo sono tutte al di sotto delle attese. Perché? Anche il cinema è diventato un lusso…

Napoli
11:45 del 25/03/2014
Scritto da Albertone

Dedicato a chi pensava che “La Grande Bellezza” potesse trascinare tutto il settore. Invece, e il dato è incontrovertibile, il grande schermo è in piena crisi. Grave e forse senza ritorno. Costa troppo, piace sempre a meno persone, e neppure il 3D ha prodotto gli effetti sperati.
Certo, le sale si riempiono in prossimità delle feste, quando la pioggia batte forte e non ci sono alternative valide a dieci euro e spiccioli. Ma non appena il sole fa capolino e la stagione dei film volge al tramonto alias declino, ecco che per multisala, sale e salette la crisi batte forte. Poltrone vuote, file abbandonate al loro destino, pellicole che girano per pochi intimi spesso lì grazie a promozioni di ogni genere e tipo. Il cinema costa, sia per chi lo vede che per chi lo produce. E nemmeno i cine-panettoni riescono a salvare un settore sempre più in difficoltà.
Tanto per fare un esempio, ecco il resoconto del weekend appena trascorso. Non un giorno di ponte, tanta acqua, nessuna serata particolare fra feste comandate e altre prettamente commerciali. Il cinema, in sostanza, era una delle alternative più valide sul piatto. Peccato che l’offerta fosse… mediocre.
Nel Box Office italiano, la pellicole di Enrico Lando, Amici come noi, esordisce al primo posto della classifica tricolore con un incasso non eccezionale: 1.275.272 euro. Al secondo posto resiste Mr. Peabody e Sherman con 1.093.578 euro, seguito da 300 - L'alba di un impero che dopo due settimane in vetta, scende sul gradino più basso del podio con 676.975 euro raggiungendo un incasso complessivo di 5.403.399. Al di sotto delle attese Non buttiamoci giù che raggiunge la quinta posizione con poco più di 500.000 euro. Chiude la classifica un'altra novità, Il ricatto, decimo con poco più di 200.000 euro. Soltanto 13esimo Noi 4, il nuovo film di Francesco Bruni che incassa 228.000 euro.
Cifre, è bene dirlo, ben al di sotto di quelle spese per produrre, montare, posto produrre e pagare il cast. E le previsioni volgono tutte verso il basso. Sempre meno soldi anche per girare, a discapito della qualità. Non è escluso che la prossima settimana qualcosa possa andare meglio grazie all’uscita di Captain America - The Winter Soldier, ma anche Storia di una ladra di libri e La luna su Torino, il nuovo film di Davide Ferrario. Resta la certezza che qualcosa non va come dovrebbe. E il paragone con gli Usa è naturalmente impietoso.
In America Divergent è subito primo con 56 milioni di dollari. Ma qui i soldi è meglio non guardarli, alla luce delle enormi spese nel “girato” che tutte le pellicole di successo hanno. Certo è che oltre Oceano Atlantico, il cinema è un must per intere famiglie mentre in Italia spendere 40 euro per un paio d’ore è diventato un lusso che in molti hanno eliminato.
Ma anche negli States qualcosa non gira più come tre anni fa. Al secondo posto della classifica infatti si piazza Muppets most Wanted con un risultato di poco più di 16 milioni, quasi la metà dell'incasso ottenuto dal primo episodio dei Muppet nel 2011. Quarto ma con risultati sempre più deludenti 300 - l'alba di un impero che incassa altri 8 milioni arrivando ai 94 complessivi, lontanissimo dai risultati ottenuti dal film diretto da Zack Snyder. Mal comune mezzo gaudio, ma intanto il cinema si inabissa…


Articolo letto: 1897 volte
Categorie: Cinema, Teatro


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook