Le imprese in possesso del certificato rilasciato dall'Autorità Antitrust avranno delle agevolazioni al momento di chiedere l'accesso agli strumenti di garanzia previsti dal Consorzio fidi

Agrigento
17:24 del 03/08/2014
Scritto da Albertone

Le aziende sane, quelle che nulla hanno a che vedere con la malavita e che combattono ogni santo giorno contro la logica delle mazzette e delle scorciatoie, da oggi ad Agrigento avranno una strada privilegiata. Dopo una vita passata a dover inseguire la concorrenza, dopo innumerevoli appalti finiti nelle Mani di qualcun altro che aveva scelto l'illegalità per conquistarsi bandi e gare, ora è il momento della rivincita. Chissà mai che qualcosa si muova e dalle parole si passi ai fatti. Facile infatti blaterare ai quattro venti la difesa della legalità quando poi nei fatti non si combina praticamente nulla. Come detto, ad Agrigento si è intrapresa la strada delle promesse trasformate in realtà.

Ovvero? Costi minori per le imprese in possesso del rating di legalità rilasciato dall’Autorità Antitrust, che chiederanno l’accesso agli strumenti di garanzia previsti dal Consorzio fidi di Agrigento. Agevolazioni economiche che, visti i tempi di magra, specialmente al Sud faranno davvero comodo. E, per ottenerle, è sufficiente essere delle aziende "pulite". Che dovrebbe essere non un requisito ma la normalità, almeno in un Paese capace di mantener fede a questa parola. Invece siamo in Italia, e si sa che la normalità prende pieghe e declinazioni diverse a seconda delle Regioni e delle persone. Il Confidi di Agrigento infatti concederà uno “sconto” del 10%: lo prevede una recente delibera dell’ente, adottata per promuovere misure di sostegno finanziario per le imprese che affrontano il mercato all’insegna del rispetto delle regole, anche sul piano etico, e di una leale e libera concorrenza. Il Confidi, presieduto da Vincenzo Siracusa, ha inoltre deciso di premiare con uno sconto del 5% sui costi di garanzia per l’accesso ai finanziamenti anche le piccole e medie imprese associate che, pur non possedendo i requisiti dimensionali richiesti dalla legge per conseguire il rating di legalità (fatturato superiore a 2 milioni di euro), soddisfano analoghi requisiti di eticità e correttezza.

Il rating di legalità è lo strumento pensato e voluto dal delegato per la Legalità di Confindustria, Antonello Montante, per accrescere la qualificazione e la competitività delle aziende locali che, pur avendo un mercato e un valido know how, spesso soffrono ingiustificate crisi di liquidità, a causa delle difficoltà di accesso al credito bancario o dei ritardi di pagamento delle PA. Ma anche, scontato da dire, della mancanza di lavoro a causa della concorrenza sleale. E' ora di finirla, e finalmente ad essere premiate saranno quelle aziende che hanno subito in silenzio i soprusi, abbandonate a loro stesse delle istituzioni e dalla burocrazia.

“Con questa delibera – conclude Siracusa . ci siamo adeguati spontaneamente alla legge per premiare i nostri associati che hanno già ottenuto il rating, ma anche quelle tantissime PMI che non raggiungono i requisiti di fatturato per accedere alla misura, ma che ugualmente dimostrano il proprio impegno per la legalità, non essendo interessate da provvedimenti di condanna e avendo adottato codici etici o protocolli di legalità, come quelli di Confindustria".


Articolo letto: 2424 volte
Categorie: Cronaca, Lavoro


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Ricerche correlate

Agrigento - rating - legalità - imprese -

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook