Dovevano cambiare il modo di intendere la verdura, invece si stanno rilevando un potenziale pericoloso per il lavoro degli agricoltori. I motivi? Presto detti...

Pordenone
02:33 del 30/07/2014
Scritto da Albertone

Ci sono dieci (validi) motivi per ritenere gli Ogm, i tanto chiacchierati organismi geneticamente modificati, dei potenziali pericoli per l'attività degli agricoltori. Ma come, proprio loro che dovevano cambiare il modo di intendere gli ortaggi, si stanno rivelando un ostacolo alla crescita e al lavoro? Pare proprio di sì, almeno stando a guardare gli studi resi pubblici da un documento stilato dalla Task Force regionale No Ogm del Friuli. Non è questione di essere prevenuti, ma di badare al sodo. Perchè le novità sono apprezzate - e funzionano - se riducono i problemi che la Natura ha portato per secoli con sè. E, allora, che hanno questi ogm che proprio non vanno? Ci sarebbero dieci elementi che dimostrano i danni di glisofato e mais Bt Monsnato Mon 810 all’agricoltura e alla biodiversità.

Innanzitutto la resistenza alle piante infestanti: l’impiego di glifosato rafforza la resistenza agli erbicidi delle piante infestanti, causa il peggioramento della loro quantità e potrebbe raddoppiare nei prossimi anni proprio per via della rapida diffusione delle erbacce, con gravi conseguenze sull’ecosistema e la produttività Agricola. Perchè se è vero che gli ogm ne traggono beneficio, il problema è che i campi rischiano di trasformarsi in un enorme distesa di piante inutili. L'inquinamento dei fiumi è aumentato solo negli Usa di 8 volte negli ultimi 15 anni per colpa delle sostanze usate nella produzione di ogm, mentr l'insetticida Bt finisce nei corsi d'acqua con tutte le conseguenze del caso. Tutto ciò che c'è di transgenico influisce anche nella fertilità del suolo: si teme che i cambiamenti genetici possano interessare anche piante di tipo diverso seminate negli stessi campi.

Ma il rischio sarebbe anche per la fauna, in particolare ad essere in pericoloso sarebbero le farfalle. Lo studio ha dimostrato che il 20% in meno delle larve esposte al mais Bt raggiungeva l’età adulta. Come se non bastasse, il glifosato utilizzato nelle coltivazioni contamina le acque sotterranee e può mettere a rischio le riserve idriche. E' una sostanza chimica letale che viene spruzzata sulle coltivazioni ogni anno nel mondo per migliaia di litri. Nessuno sa realmente in che misura abbia raggiunto le acque sotterranee fino ad ora. Di certo c'è che l'erbicida più popolare al mondo sta contribuendo a distruggere la barriera corallina e rappresenta così una grave minaccia per la biodiversità. I ricercatori australiani stanno esprimendo una grave preoccupazione.

Danni registrati anche agli insetti, in particolare sulle coccinelle. Non è un caso che la GerMania dal 2009 abbia messo dei limiti alle coltivazioni del Mais Bt. La contaminazione transgenica attraverso il Trasferimento Genetico Orizzontale (TGO) avviene superando le barriere genetiche tra specie. Quindi il pericolo contaminazioni non avviene soltanto attraverso la diffusione del polline geneticamente modificato tra piante della stessa specie, ad esempio mais Ogm e mais non Ogm. La questione è molto più subdola. Il Dna transgenico è instabile, si rompe e si ricombina, passa in Virus, batteri e funghi e attraverso di essi raggiunge altri organismi viventi. Infine, il decalogo si completa con la coesistenza impossibile tra coltivazioni convenzionali o biologiche. Il motivo? I ricercatori non hanno dubbi: la contaminazione non avviene solo attraverso il polline ma anche tramite processi diversi dalla normale riproduzione, l’unica alternativa per bloccare la diffusione delle contaminazioni Ogm è distruggere i campi già presenti. Un modo per salvare la natura e - forse - preservare posti di lavoro.


Articolo letto: 1758 volte
Categorie: Cronaca, Scienze


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook