Un canone mensile "equo" mette al riparo dall'accusa di favoreggiamento chi affitta una casa a un clandestino.

Genova
07:30 del 02/12/2016
Scritto da Carmine

Le chiacchiere ormai sono inutili, questi fanno e disfano come gli pare. Comunque sempre e solo, ai danni del popolo italiano. Mentre le stellette... stanno a guardare.

Questo è favoreggiamento all'immigrazione clandestina. A porcheria si aggiunge altra porcheria. Siamo ormai un Paese in preda al desiderio di autoannientamento!!!!!!!!!!

Un canone mensile "equo" mette al riparo dall'accusa di favoreggiamento chi affitta una casa a un clandestino.

E a stabilirlo è una sentenza della Cassazione: se la cifra dell'affitto mensiole non genera un "profitto" ingiusto allora non scatta il reato. Come sottolinea il Sole 24 Ore, il Testo unico immigrazione (Dlgs 286/98), all’articolo 12, prevede come "(...) chiunque, al fine di trarre un ingiusto profitto dalla condizione di illegalità dello straniero o nell’ambito delle attività punite a norma del presente articolo, favorisce la permanenza di questi nel territorio dello Stato in violazione delle norme del presente testo unico, è punito con la reclusione fino a quattro anni e con la multa fino a lire trenta milioni. (...)". Fin qui la norma è abbastanza chiara.

Ma adesso un pronunciamento della Cassazione rischia di ribaltare questo principio che è un deterrente anche contro gli ingressi illegali nel nostro Paese.


Secondo la Suprema Corte per far scattare il reato il costo mensile dell'affitto deve essere esorbitante rispetto ai prezzi medi delle abitazioni nella stessa zona o nel palazzo. I

l caso che in questo caso fa giurisprudenza riguarda il proprietario di una casa a Milano.

La Suprema Corte ha dato ragione all’imputato e annullato senza rinvio la sentenza della Corte d’Appello di Milano, perché "il fatto non costituisce reato". Secondo la Cassazione, sempre come sottolinea il Sole, occorre "dimostrare il carattere ingiusto del profitto ritratto nel caso di specie dall’imputato dalla locazione dell’immobile a cittadini extracomunitari. Obiettivo che la sentenza impugnata non ha raggiunto".

Mentre "il margine di profitto della sublocazione non appariva così ampio da esimere i giudici del merito dall’ancorare la valutazione in questo senso operata ad un serio accertamento sul valore effettivamente attribuito dal mercato all’affitto dell’appartamento di cui si trattava". E nella sentenza della Cassazione il nodo centrale è proprio quello della tariffa della locazione: infatti i giudici hanno tenuto conto del fatto che il proprietario aveva già affittato ad altri due immigrati regolari la sua abitazione, mentre nell'ultimo caso l'ha affittata sì a soggetti "irregolari" ma a un canone inferiore rispetto al passato. Ed è qui che scatta la "salvezza" per l'imputato. Infatti in in questo caso viene meno l’ipotesi dell’ingiusto profitto. Dunque se si affitta la propria casa ad inquilini clandestini con lo "sconto" ci si salva dai guai con la giustizia.


Articolo letto: 314 volte
Categorie: , Cronaca, Denunce, Sociale


Domanda Rank Italia
Dai un tuo parere sulla gestione degli immigrati in Italia!
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Fortunata

02/12/2016 09:00:38
Un altra pensata o imposta norma??? Dal regime dei corrotti (catto-comunisti),attuta della suprema.......CHI???? Preparatoria, PROPEDEUTICA ....all'INVASIONE CLANDESTINA!!
4

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook