Adozioni a distanza: ecco cosa c’e’ da sapere. L’adozione, o sostegno, a distanza, è la scelta di aiutare chi ne ha più bisogno

Firenze
10:50 del 28/03/2015
Scritto da Gerardo

L’adozione, o sostegno, a distanza, è la scelta di aiutare chi ne ha più bisogno. Ci si impegna a dare un contributo economico a favore di un’organizzazione no profit, che lo utilizzerà per finanziare progetti di cooperazione allo sviluppo, per costruire pozzi, scuole, ospedali o per permettere ad un bambino di andare a scuola.

Si tratta quindi di un impegno regolare e continuativo, per offrire a minori, famiglie e comunità ben identificate,  la possibilità di migliorare le proprie condizioni di vita nell'ambiente sociale e culturale in cui vivono. Chi sceglie di attivare un’adozione a distanza entra quindi a far parte di un progetto di coinvolgimento e di apertura verso gli altri, conoscendo le problematiche dei Paesi in via di sviluppo e dell’interdipendenza tra sviluppo e povertà, creando così un ponte di solidarietà che collega persone, culture e mondi

Con l’adozione a distanza si offre  l’opportunità di una crescita autonoma, di  miglioramento e, in alcuni casi, l'uscita da situazioni di povertà, sottosviluppo, difficoltà, così da poter ridare un futuro soprattutto dopo situazioni di emergenza e programmare interventi a lungo termine, evitando lo sradicamento dall’ambiente di origine Ci sono molte organizzazioni che propongono l’adozione a distanza: possono essere ad esempio a carattere religioso oppure laico; di piccole dimensioni, nate magari dalla volontà di un singolo benefattore, o più strutturate e a respiro internazionale. Ci sono quelle che danno un aiuto diretto al singolo bambino e altre che si adoperano per arrivare a dei cambiamenti più strutturali e duraturi, sostenendo le famiglie e le comunità.


I Paesi a sostegno dei quali opera l’adozione a distanza sono generalmente quelli del Sud del mondo, quindi Africa, Asia e America Latina. Quando si inizia un’adozione a distanza si instaura un legame tra il sostenitore e il bambino sostenuto:  un  link che si esplicita nell’invio di report periodici sull’andamento dell’attività da parte dell’organizzazione no profit e soprattutto nei disegni, le lettere e le foto del bambino. Il sostenitore può scrivere ed in molti casi anche conoscere i bambini nel loro Paese. In nessun modo però i bambini possono essere portati in Italia, non trattandosi di adozione internazionale


Articolo letto: 858 volte
Categorie: Sociale


Domanda Rank Italia
Cosa ne pensi delle adozioni a distanza?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Ricerche correlate

Adozioni - Poveri - Crisi - Crisi economica - Africa -

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook