Dovrebbe approdare in CdM entro ottobre il decreto attuativo con cui il Pubblico registro automobilistico gestito dall’Aci verrà accorpato con la Motorizzazione Civile

Bologna
12:00 del 20/09/2015
Scritto da Samuele

Dovrebbe approdare in CdM entro ottobre il decreto attuativo con cui il Pubblico registro automobilistico gestito dall’Aci verrà accorpato con la Motorizzazione Civile: le novità sui contributi da pagare e le date della svolta per i proprietari di auto e moto

La riforma del Pra sta per decollare: presto arriverà il Documento unico che unificherà la carta di circolazione rilasciata dalla Motorizzazione Civile e il certificato di proprietà rilasciato dal Pra. Una rivoluzione per i proprietari di auto e moto, anche sul fronte dei contributi da versare per le operazioni, come trasferimenti di proprietà, alleggerendo non solo la macchina amministrativa e anche la vita degli intestatari dei veicoli. Il Decreto attuativo della riforma delle Pubbliche Amministrazioni è pronto, e dovrebbe approdare in Consiglio dei Ministri entro ottobre.

Ingloberà il libretto di circolazione e il certificato del Pra e avrà un costo totale di 29 euro: il Documento unico di circolazione sostituirà l’attuale iscrizione all’Archivio nazionale del veicoli e quella al Pubblico registro, le cui funzioni verranno trasferite al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti a partire dal 1° gennaio 2016, e prese in carico da un nuovo ente, l’Agenzia per il Trasporto Stradale, che avrà sede a Roma. La nuova struttura, autonoma sotto il profilo giuridico e patrimoniale, ma vigilata dal Ministero delle Infrastrutture, si occuperà delle competenze del Ministero dei Trasporti in materia di veicoli e circolazione. Dal 1° luglio 2016, l’Agenzia dei Trasporti gestirà i rapporti con i cittadini e le imprese, quindi si occuperà anche delle pratiche come il passaggi di proprietà, fermi amministrativi, rilascio e aggiornamento patenti, riscossione Ipt. Entro 30 giorni dalla pubblicazione del decreto, l’Aci dovrà procedere al trasferimento di tutti i dati del Pubblico Registro nella banca dati tenuta presso la Motorizzazione che verrà quindi integrata con le informazioni relative alla proprietà dei veicoli. L’Automobil club dovrà anche provvedere alla riorganizzare e riduzione del personale per bilanciare la perdita di competenze.


Articolo letto: 761 volte
Categorie: Motori, Nuove Leggi, Sociale


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Ricerche correlate

Assicurazione - Motori - Legge - Agenzia - Entrate - Trasporti -

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook