Nella terrazza di casa, al lago o in spiaggia, abbronzarsi è uno dei piaceri a cui raramente si rinuncia durante le vacanze estive.

Milano
07:00 del 08/06/2017
Scritto da Gerardo

Nella terrazza di casa, al lago o in spiaggia, abbronzarsi è uno dei piaceri a cui raramente si rinuncia durante le vacanze estive. Prendere il sole è infatti rilassante, piacevole e, se fatto nel modo giusto, conferisce benefici ed una tintarella invidiabile. Ovviamente è sempre bene rispettare il proprio fototipo e tenere presente che è poco realistico, oltre che poco sano, pensare di scurirsi in breve tempo oltre al limite “imposto” dalla propria carnagione.


Lo stesso Ministero della Salute Italiano ha messo a disposizione una pagina dedicata alle regole da seguire sotto al sole, contenente anche un semplice test per aiutare le persone a individuare il fototipo di appartenenza. Innanzitutto, bisogna liberare i pori; la pelle ha bisogno di uno scrub profondo almeno una volta al mese, così da rimuovere le cellule morte, in modo da farla respirare a fondo. Cercate di usare prodotti naturali e non dimenticate di idratarla dopo il trattamento.

Per favorire la produzione di melanina sarebbe bene esporsi con gradualità nei primi giorni: è dunque meglio un’esposizione breve ma costante rispetto a delle interminabili sedute sotto il sole, che possono facilmente esporre alle bruciature. L’abbronzatura superficiale dei primi giorni è infatti  dovuta alla melanina già disponibile nell’epidermide, ma è destinata a sparire in breve tempo; oltretutto è sufficiente esporsi al sole per un massimo di 45 minuti al giorno, poiché oltre questo limite non viene prodotta altra melanina. 

Le ore indicate per prendere la tintarella sono quelle del mattino, fino alle 11, e del tardo pomeriggio dopo le 17.



Come prendere il sole. Evitate la classica posizione da sdraiati per prendere la tintarella; cercate di stare in movimento: le radiazioni solari si distribuiscono in modo omogeneo su tutto il corpo.

Quando applicare la protezione. Applicate la protezione almeno mezz’ora prima di mettervi al sole e rinnovate l’applicazione ogni 2 ore. Non indugiate sulla quantità e utilizzate fattori di protezione elevati nei punti più delicati: naso, labbra, lobi e bordo delle orecchie, collo, incavo del ginocchio, dorso dei piedi. Agitate bene il flacone prima dell’uso per mescolare bene insieme le due fasi dell’emulsione. Applicate il solare anche quando siete già abbronzati, eventualmente riducendo il fattore di protezione. Anche se avete la pelle con fototipo scuro, avete comunque bisogno di protezione per proteggerla dagli effetti come l’invecchiamento

Da: QUI


Articolo letto: 291 volte
Categorie: , Curiosità, Guide


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook