L'ordinanza è del sindaco Flavio Tosi: è possibile sparare ad un lupo qualora l'animale metta in pericolo la sicurezza umana. Peccato che le leggi dicano l'esatto contrario

Verona
10:48 del 02/10/2014
Scritto da Albertone

A Verona si può fare. Alla faccia delle leggi, delle normative e delle convenzioni, nel Comune dell'Arena si può sparare ai lupi. Imbracciare il fucile ed esplodere un colpo d'arma da fuoco, sempre che l'animale metta in pericolo l'incolumità umana. Una legittima difesa su cui si è scatenato il putiferio. D'altronde, è ancora fresca la morte di Daniza, l'orsa uccisa in Trentino che ha scatenato le proteste degli animalisti. Nella Regione accanto, la polemica è divampata in un nanosecondo.

Flavio Tosi d'altronde è un sindaco che al Politically correct non ha mai badato più di tanto, nemmeno durante le assemblee della Lega Nord, in cui qualche volta (più d'una) gli è capitato di trovarsi in minoranza di fronte a leader maximi quali Umberto Bossi e Roberto Maroni. Figurarsi se poteva tirarsi indietro davanti a dei lupi, soprattutto quando questi rischiano di minacciare l'incolumità pubblica. Sarà, ma la questione è tutt'altro che entro i confini della legge. Tosi infatti ha firmato e sottoscritto un'ordinanza in cui si parla della possibilità di "azioni verso gli animali selvatici allo stato brado che determinano pericoli per la sicurezza". E c'è già chi teme che in Veneto possano scatenarsi le doppiette pazze.

Non sarà così, dal momento che i cacciatori ribadiscono di avere profonda attenzione verso la fauna e di agire in conformità alle leggi, ma la voce si è già sparsa in giro per lo Stivale. Eppure, a ben vedere, perchè mai Tosi ha firmato un documento del genere? Si parla infatti all'interno delle carte di "alcune segnalazioni di aggressioni da parte dei lupi ad animali da allevamento, con conseguenti danni per gli allevatori, anche di notevole entità". Insomma, c'è una premessa da tenere in considerazione. Scontato dire che la vita umana venga prima di ogni altra cosa. Ma non è tutto così scontato. I cacciatori, nel Veronese ma più in generale in ogni parte d'Italia, appaiono già scatenati nei confronti dei cinghiali, responsabili negli ultimi anni di produrre gravi danni agli allevamenti e alle coltivazioni.

Ma Tosi è andato oltre, prevedendo "la possibilità di difendere la propria e altrui incolumità ed i beni propri e altrui, anche mediante un'arma legittimamente detenuta o altro mezzo idoneo, e comunque nei limiti determinati dalla previsione degli articoli 52 e 54 del codice penale". Articoli che determinano la fattispecie della legittima difesa e dello stato di necessità. Insomma, se un lupo dovesse attaccare l'uomo, quest'ultimo se ne ha la possibilità potrebbe anche colpire a morte. E in questo caso, cosa accadrebbe? I contorni sono presto detti.

In questo caso l'animale verrebbe messo a disposizione delle autorità competenti, Polizia provinciale e Corpo forestale dello Stato, che a quel punto aprirebbero d'ufficio un'indagine per accertare nel dettaglio quanto avvenuto. Tutto limpido? Non proprio. L'ordinanza è stata immediatamente impugnata proprio dal... Corpo forestale dello Stato che ha provveduto a denunciare il sindaco di Verona alla Procura della Repubblica competente. Ma sulla questione è intervenuto anche il Wwf, che ha attivato i propri uffici legali per chiedere l'annullamento dell'ordinanza. E non è tutto: potevano i nostri politici rimanere in silenzio? Certo che no: la senatrice Monica Cirinnà, del Pd, ha chiesto lumi al Ministro dell'Ambiente Gian Luca Galletti che però non ha commentato la decisione del primo cittadino di Verona, in aperto contrasto con le leggi vigenti.


Articolo letto: 714 volte
Categorie: Cronaca, Politica


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Ricerche correlate

tosi - verona - arena - lupi - doppiette - cacciatori -

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook