E, guarda caso, il pesce finiva nei piatti dei clienti dei ristoranti cinesi. Una partita rubata un anno fa ad un altro ristoratore cinese

Prato
08:51 del 17/11/2014
Scritto da Albertone

Se pensate che la situazione non sia completamente fuori controllo a Prato e dintorni, allora preparatevi a ricredervi. Siamo davvero in un mondo parallelo, dominato ormai da una comunità cinese che gli italiani li ha cacciati discriminandoli e pagandoli. Chi abitava lì, si è visto proporre una somma doppia rispetto al valore dell'abitazione pur di andarsene. E, naturalmente, lo ha fatto. Prato è un ghetto in mano ai cinesi, una città in cui la Politica se ne sta rintanata in un angolo.

Nei capannoni si lavora giorno e notte, nelle stanze in cui dormono gli operai si vive in dieci nello spazio destinato ad una famiglia con un solo bebé. Naturalmente le istituzioni non fanno nulla. Sono lì a guardare, sperando che questa sia la normalità. Invece non lo è. Perchè nei piatti degli italiani che decidono di concedersi una serata al ristorante è possibile trovare di tutto. Ivi compresi, udite udite, granchi surgelati da un anno. Avete capito bene. Cibo che bisognerebbe mandare al macero e che invece viene messo nei piatti di chi vuole regalarsi una serata diversa rispetto al solito. Ma come: già gli italiani non hanno soldi per tirare la fine del mese, e poi vengono anche presi per i fondelli in questo modo dai ristoratori cinesi? Già, perchè i colpevoli sono ancora una volta loro.

Il Nas dei carabinieri, il Corpo addestrato a scoprire queste situazioni, è intervenuto chiudendo un'indagine avviata addirittura nel dicembre del 2013. Un maxi sequestro di granchi congelati che erano stati rubati un anno fa a un commerciante cinese. Un quantitativo enorme, stoccato e trovato  in due magazzini alimentari gestiti da cittadini cinesi in via Becagli e via Mameli. La segnalazione è partita da un altro commerciante cinese che un anno fa – era il dicembre scorso – aveva segnalato il furto di una maxi partita di granchi conservata nel suo magazzino e destinata ai ristoranti cinesi della zona. Il commerciante aveva dichiarato alla polizia di aver subito un ingente furto e che la refurtiva rubata aveva un valore intorno ai 100mila euro.

In seguito alla segnalazione, i poliziotti si sono portati in zona ieri mattina e hanno fatto irruzione nei due magazzini appurando che il pescato congelato, corrispondente a 35 grosse scatole di granchi surgelati, di provenienza cinese, contenenti ciascuna 50 crostacei per un peso di circa 11 chili a scatola, era effettivamente stato messo in vendita al pubblico. Che schifo! E noi dovremmo mangiare questa roba? Secondo i primi accertamenti della polizia, sembra che il pesce fosse destinato a numerosi ristoranti cinesi della zona, per un valore complessivo di svariate migliaia di euro. Non basta che vengano arrestati i responsabili del furto: chi ha accettato di servire questa schifezza, deve pagare al più presto! Prato non si merita di fare questa fine e di conquistare la ribalta delle prime pagine solo per i reati che fanno i cinesi che lì vivono! Ma i politici che hanno permesso tutto questo, se ne devono andare!


Articolo letto: 594 volte
Categorie: Cronaca, Salute


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Ricerche correlate

granchi - cinesi - ristoranti - cibo -

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook