8 per Mille PIAGA SOCIALE: REGALIAMO soldi a chi non ne ha bisogno: CHIESA E STATO! Ebbene… a primavera inoltrata non arriva solo la bella stagione, le rondini e il caldo!! C’ è anche la dichiarazione dei redditi… Un delizioso 730 con tutto ciò che comporta.

Roma
14:00 del 26/05/2015
Scritto da Gerardo

Ebbene… a primavera inoltrata non arriva solo la bella stagione, le rondini e il caldo!! C’ è anche la dichiarazione dei redditi… Un delizioso 730 con tutto ciò che comporta.

E come si sa, oltre a questo c’è un delizioso pacchetto di “x mille” che va destinato a qualcuno o a qualcosa… Insomma, il premio di consolazione ambito da tutto….voluto da tanti e accaparrato da pochi!

MA CHI SONO QUESTI POCHI??

SAPETE DAVVERO A CHI VANNO I VOSTRI SOLDI, ANCHE SE NON SPECIFICATE L’ENTE?!?!?

Forse è il caso di informarsi!

Esattamente, perché la famiglia dell’8 per mille è cresciuta enormemente, ma bisognava spaziare oltre, fuori dalle religioni, verso la “religione profana” dei nostri tempi: la scienza. E così è stato tutto un fiorire di ONG, ONLUS e compagnia cantante – qualcuna rispettabile, altre meno, alle quali si sono aggiunti i comuni ed il Ministero dei Beni Culturali, che volete…  – che si dividono il 5 x mille. Da ultimo – la vergogna non la conoscono proprio – i politici hanno ottenuto il 2 per mille (ma vedrete che crescerà, crescerà…) per i loro bisognini.

Dunque c’è da sapere che quando si va dal commercialista per fare la dichiarazione dei redditi, E VOI NON SPECIFICATE a chi devolverlo, esso andrà automaticamente alla Chiesa Cattolica  a vostra insaputa. Tutto questo secondo le stesse percentuali con cui sono state effettivamente destinate le somme per cui è stata fatta un’opzione esplicita.

Quindi cari lettori dovete sapere una cosa…. L’otto per mille è la quota di imposta sui redditi soggetti IRPEF, che lo Stato italiano distribuisce, in base alle scelte effettuate nelle dichiarazione dei redditi, fra se stesso e le confessioni religiose che hanno stipulato un’intesa.

È stata introdotta dall’art. 47 della legge n.222 il 20 maggio 1985 , in attuazione del concordato del 1984 tra Repubblica Italiana e la Santa Sede, nella qualità di rappresentante della Chiesa Cattolica. La norma stabilisce gli ambiti nei quali i soggetti beneficiari dell’otto per mille possono impiegare i fondi ricevuti, nonché il meccanismo di calcolo di tale quota. I contribuenti non sono tenuti ad esercitare obbligatoriamente l’opzione per la destinazione dell’otto per mille.

Tuttavia, anche l’otto per mille del gettito fiscale di chi non effettua una scelta o di chi è esonerato dalla dichiarazione dei redditi viene ripartito tra i soggetti beneficiari, in proporzione alle scelte espresse.

L’ 8 per mille è ripartito tra STATO E CHIESA anche se tu non specifichi nulla…

Quindi, se proprio non volete “REGALARE IL VOSTRO DENARO” a chi non lo merita dovete scegliere e specificare a chi destinare davvero i vostri soldi! VOI AVETE IL DIRITTO DI SCEGLIERE A CHI DARLI, SIETE IN GRADO DI DECIDERE DELIBERATAMENTE SE REGALARLO ALLO STATO O ALLA CHIESA O A NESSUNO DEI 2!

Ma fosse solo l’8 per mille… In tutto fa il 15 x 1000, ossia l’1,5% del reddito degli italiani che svolgono attività o le hanno svolte (pensionati).

Per la platea ci sono dati abbastanza credibili: 38 milioni e 300mila circa, suddivisi in 22,5 milioni di lavoratori ed in 15,8 milioni di pensionati.

In totale, cari italiani, nelle pieghe dei bilanci vi hanno occultato due tasse per complessivi 35 miliardi di euro annui, un gettito che si perde in mille rivoli e che può alimentare ogni genere di camarilla. E, oltretutto, una cifra di tutto rispetto: tanto per capirci, per il programma F-35 la spesa prevista è di 13 miliardi.

 Un tempo non esisteva niente del genere, le tasse erano solo dei “percento”, poi qualcuno ne inventò una veramente grandiosa: non vi pigliamo soldi in più, sono soldi già conteggiati nel bilancio dello Stato che vengono destinati ad altre cose…

Non stiamo parlando di spicciolini…Stiamo trattando cifre astronomiche da capogiro che coinvolgono ogni singolo cittadino. Be cosa da far gola a molti…A TROPPI FORSE. Tanto per iniziare i “x mille” dall’ originario 8 per la Chiesa, è passato dai 200 milioni di euro del 1990 al miliardo di oggi, in pratica si è moltiplicato per cinque nonostante lo stipendio di un Prete (originario motivo del finanziamento pubblico) sia poco più che raddoppiato…

Insomma…soldi che si sommano ai soldi, denaro che va a rimpinguare altro denaro…


Articolo letto: 1318 volte
Categorie: Denunce, Economia


Domanda Rank Italia
Cosa ne pensi dell'otto per mille?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Ricerche correlate

Chiesa - Stato - Crisi - Economia - Lavoro -

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook