Spesso ci chiediamo cosa sia il benessere. La risposta non è semplice ma la sintesi che fa l’OMS ci appare molto convincente: è la condizione in cui riusciamo ad adattarci in modo costruttivo alle condizioni esterne e ai conflitti interni.

Torino
06:00 del 13/10/2016
Scritto da Samuele

Spesso ci chiediamo cosa sia il benessere. La risposta non è semplice ma la sintesi che fa l’OMS ci appare molto convincente: è la condizione in cui riusciamo ad adattarci in modo costruttivo alle condizioni esterne e ai conflitti interni.

Essere”in forma” psicologicamente vuol dire avere la capacità di attivare le risorse individuali , sia fisiche che mentali e psichiche con  le quali possiamo affrontare efficacemente le situazioni stressanti, le difficoltà personali, i problemi affettivo emotivi, i disagi relazionali e tutte quelle dificoltà che inevitabilmente accompagnano la vita quotidiana.Inoltre il benessere è anche la precisa convinzione e capacità di provare soddisfazione dalle nostre attività lavorative, dalle nostre relazioni affettive e, inoltre, di esprimerci positivamente nella nostra individualità

Che cos’è il tempo?  E’ il metro di misura della nostra vita e sprecarlo significa saltare ogni giorno di qualche centimetro senza averlo vissuto a pieno, convinti che potremmo farlo nei centimetri successivi. “Molto tempo abbiamo, eppure molto ne sprechiamo.” Seneca.

24 ore. Tante ne abbiamo a disposizione in un giorno, di cui 8 al giorno utilizziamo per dormire , 8 per lavorare , 4 per pasti e commissioni, per prenderne infine un paio paio per il nostro tempo libero.

…beh, ce ne rimangono comunque a disposizione altre 2 che spesso non sappiamo dove diamine vadano a finire.

Ci sentiamo tutti stressati da una vita frenetica eppure concludiamo sempre meno, il problema sta nella parolina ottimizzazione , e per far si che l’ottimizzazione sia efficiente dobbiamo eliminare gli sprechi.

Ecco perché nell’articolo di oggi voglio parlarti degli sprechi principali che non ti permettono di sfruttare al massimo il tempo a tua disposizione.

1Errori ripetuti


Errare è umano, eppure nella nostra vita personale o lavorativa commettiamo troppe volte gli stessi errori , dovuti alla poca concentrazione , la quale a sua volta è causata dal fatto che cerchiamo di fare 1000 cose insieme di cui la maggior parte superflue e di poco valore per noi stessi e la nostra produttività. Eliminiamole.

DEVI. FARE. UNA. COSA. ALLA. VOLTA.

…e  con la massima attenzione.

2 Fare troppo e male

Ebbene si, sovra-produrre durante la giornata non è sinonimo di un bel lavoro svolto, per fare un esempio, in ambito industriale, sfornare a ciclo continuo prodotti che poi non vengono acquistati dai clienti può essere un grosso errore per il profitto aziendale.

Questa  “sovrapproduzione” è una piaga che colpisce anche la nostra vita professionale, universitaria e personale.

Proviamo a fare degli esempi.

La fila al fast food durante la pausa pranzo che oltre a rovinarci quel poco tempo a disposizione, ci carica di altro stress e ci fa ingrassare.

Nello studio, sprechiamo ore e ore di tempo a creare i riassuntini di interi libri di testo, salvandoci la coscienza con un quaderno pieno di lettere che alla fine non serve a nulla e sarà gettato nel primo cestino ad esame superato, o meno. Sperimentiamo altre tecniche.

Gli infiniti messaggini su Whatsapp e Messenger per organizzare una pizza, che possono essere tranquillamente sostituiti da una telefonata di 2 minuti netti.

Insomma, se ci riflettiamo ci dilunghiamo spesso in attività inutili ma che ci riescono facili per questo molto attraenti, ma alla fine della giornata non ci hanno caricato di un briciolo di appagamento e felicità. Non credete?

3 Attese superflue

Uno degli elementi chiave della filosofia aziendale leader Toyota è il concetto di flusso.

Tutto deve scorrere nella maniera più fluida possibile: senza intoppi, senza inutili attese, ma se dovessimo chiedere a un qualsiasi passante se assocerebbe la sua vita più a un fiume dal letto liscio e omogeneo  o ad una corsa ad ostacoli, indovina cosa risponderebbe? Le attese fanno parte della nostra vita.

Esistono due modi per gestirle

Eliminarle. Attraverso l’organizzazione (la fila al fast food puoi eliminarla portandoti del cibo SANO da casa)

Sfruttarle. Ci sono casi invece in cui le attese sono al di fuori del nostro controllo. Insomma, le subiamo e possiamo farci poco… oppure no? Il viaggio in treno di rientro a casa può essere utile per produrre?

4 Movimenti non necessari

Un’altra tipologia di spreco riguarda i movimenti non necessari.

In questo caso il focus è su quelle azioni che compiamo durante il nostro lavoro e che non aggiungono reale valore.

Cerca di visualizzare di pensare durante il tuo lavoro o studio quali sono quelle attività che non aggiungono valore a ciò che stai facendo.

Ti capita di perdere tempo in attività ripetitive che potrebbero essere automatizzate ?

Qual’è secondo te quella cosa che “ti fa perder tempo o ti distrae durante il giorno”?

Ci sono dei passaggi di routine che potresti eliminare o delegare?

5 Disordine mentale

 Probabilmente, gli ambienti in cui vivi e lavori sono  invasi da troppi oggetti: oggetti spesso superflui, oggetti che creano disordine e confusione mentale.

Cosa centra il tempo con l’ottimizzazione del tempo?

Riprendere il controllo del nostro ambiente fisico ci permette infatti di riprendere il controllo anche della nostra mente e del nostro tempo è scientificamente provato. Non si tratta di quanto  ordine ci sia nel tuo ufficio e nella tua casa , si tratta di spazio, IL NOSTRO SPAZIO.

Insomma, organizzare i nostri spazi ci rende di fatto persone più organizzate (anche nella gestione del tempo).

6 Processi inutili

In ambito industriale si parla di over processing, possiamo associarlo alla nostra cara burocrazia italiana, infatti la stessa è limitante e distrugge opportunità anziché crearne.  

L’over processing è presente nella vita di tutti noi. Qualche esempio?

Magari sei uno di quegli studenti che perdono ore a ricopiare gli appunti in “bella copia”

Forse passi le giornate a cambiare le virgole a quell’email che devi mandare ad un collega, invece di focalizzarti su ciò che conta davvero.

Qualsiasi sia la tua condizione specifica ricorda questo: come essere umani , per predisposizione naturale,ci riesce più facile fare i bigodini alle bambole per ore, piuttosto che portare a termine in pochi minuti un’attività necessaria ma che ci spaventa o ci riesce difficile.


Articolo letto: 201 volte
Categorie: Salute


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Ricerche correlate

Benessere - sprechi - mente - psiche - psicologia - benessere fisico -

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook