1kg di esplosivo in auto: scampati gravissimi danni | L’analisi di Italiano Sveglia

Vibo Valentia
11:15 del 11/01/2015
Scritto da Gerardo

Soprattutto in questo periodo storico, nel quale abbiamo assistito ai vergognosi omicidi ai danni di Charlie Hebdo, bisognerebbe aumentare nettamente i controlli soprattutto nelle zone d’Italia più a rischio attentati, quali Milano, Napoli, Roma e così via. Ecco l’accaduto di Vibo Valentia.

Nella tarda serata di ieri, 9 gennaio, una pattuglia dell’Aliquota Operativa della Compagnia Carabinieri di Tropea ha intimato l’Alt ad una MiniCar con a bordo due minorenni di Limbadi. La successiva perquisizione personale e del veicolo ha permesso di rinvenire 38 petardi confezionati artigianalmente e dal peso complessivo di 1,08 Kg. oltre che un coltello.

A seguito delle formalità di rito il proprietario del mezzo, S.F., minore, è stato denunciato alla Procura dei Minorenni di Catanzaro per Detenzione di materiale esplosivo, reato previsto e punito dall’articolo 435 del Codice Penale. Per l’altro ragazzo solo l’affidamento ai genitori.Il potere esplosivo dell’intero materiale avrebbe potuto cagionare seri e gravissimi danni a persone e cose se eventualmente fatto detonare integralmente. Il materiale sequestrato, dopo gli esami di laboratorio, sarà consegnato agli artificieri dei Carabinieri per la successiva distruzione, richiesta all’Autorità Giudiziaria.

 


Articolo letto: 2234 volte
Categorie: Cronaca


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Ricerche correlate

Cronaca Vibo Valentia -

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook