L’Italia ha un primato in Europa, ma non è una buona notizia. Il nostro Paese, infatti, è al primo posto (per distacco) per quanto riguarda i NEET, ovvero i giovani dai 15 ai 24 anni che non hanno e non cercano lavoro: in Italia sono il 19,9%, contro una media continentale del 11,5%.

Torino
09:45 del 18/07/2017
Scritto da Gregorio

L’Italia ha un primato in Europa, ma non è una buona notizia. Il nostro Paese, infatti, è al primo posto (per distacco) per quanto riguarda i NEET, ovvero i giovani dai 15 ai 24 anni che non hanno e non cercano lavoro: in Italia sono il 19,9%, contro una media continentale del 11,5%. Questo, però, non è l’unico dato ‘nostrano’ che si evince dall’indagine 2017 sull’occupazione e sugli sviluppi sociali in Europa (Esde) pubblicata dalla Commissione Europea. L’Italia, infatti, si segnala come uno dei paesi con il maggior numero di lavoratori autonomi in Europa (22,6%); al 20,1%, invece, la differenza fra uomini e donne che lavorano, mentre il numero di persone che vivono in condizioni di povertà estrema (11,9%) è aumentato fra 2015 e 2016, unico caso in Ue con Estonia e Romania.

Sembrano degli sfaccendati, ma anche se non lavorano, non studiano, né cercano lavoro sono ugualmente occupati tutto il santo giorno.

A fare cosa?


Naturalmente ad inseguire i loro sogni.

Abbiamo pochi idraulici, elettricisti, fornai, agricoltori e ingegneri, ma siamo pieni di aspiranti calciatori, aspiranti stilisti, aspiranti politici, etc. Tutta gente senza un briciolo di talento e con competenza pressoché nulla, caparbiamente impegnata ad inseguire un sogno, sdraiati in salotto sul divano.

Magari da più di 10 anni.

E nelle pause del sogno, imperversano in rete fornendo saccenti opinioni su cose che non conoscono o lanciando grida di dolore per mancati aiuti di Stato che ritengono essere loro diritto.

Per fortuna negli ultimi 20 anni dall'Africa, dall'Asia e dall'Est Europa sono arrivati milioni di lavoratori e lavoratrici, altrimenti non avremmo da mangiare e saremmo sommersi dall'immondizia.

Riassumendo, il PD attua politiche che impediscono ai giovani di trovare lavoro (almeno a quelli che non giocano a calcetto...), come conseguenza di ciò nascono meno figli e la soluzione non è attuare politiche che favoriscano il trovare un lavoro stabile e quindi l'avere figli, ma intensificare l'immigrazione.

 

La cosa incredibile è che trovino ancora gente che li vota!


Articolo letto: 214 volte
Categorie: , Denunce, Lavoro


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook