Ha accettato di fare 18 ore di volo pur di raggiungere l'Italia per un'operazione alla tiroide: ecco da dove è partito

Perugia
14:10 del 18/12/2014
Scritto da Gerardo

L'Italia può contare su medici molto preparati ed esperti su diverse materie. Spesso quando qualcosa non va per il verso giusto ci accaniamo contro i dottori ma bisognerebbe anche considerare che i continui tagli alla sanità hanno messo in difficoltà anche gli ospedali e non sempre si ha la giusta concentrazione per gestire le emergenze.

Ogni volta che c'è un sospetto caso di malasanità è, comunque, sempre bene farlo sapere perché se ci sono state delle responsabilità da parte dei medici è giusto che vengano riconosciute. Riteniamo, però, sia doveroso sottolineare anche le belle storie che riguardano la sanità, ora ve ne racconteremo una.

Un ingegnere australiano aveva da tempo dei problemi alla tiroide che gli impedivano di respirare e di deglutire al meglio. Dopo essersi accuratamente informato su Internet ha deciso di raggiungere l'Italia, facendo ben 18 ore di volo, per sottoporsi all'operazione alla tiroide. L'uomo, che aveva un nodulo di 13 centimetri, è stato operato a Perugia con successo dall'equipe del professore De Feo il quale ogni anno compie circa 100 interventi del genere ma mai si sarebbe aspettato di intervenire su un paziente residente in un paese così lontano.


Articolo letto: 717 volte
Categorie: Cronaca, Salute, Sociale


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook